Biografia

Daniele Radini Tedeschi è nato a Roma il 17 settembre 1986 e appartiene ad una storica famiglia nobiliare (conti e marchesi) di origini borgognone stabilitasi a Piacenza e imparentata con i Visconti, i Gonzaga, i Caracciolo, i Casati, gli Anguissola, i Gradenigo, i Landi, i Cigala Fulgosi, i Pucci, gli Appiani d’Aragona. Nei diversi rami del casato si sono distinte illustri personalità: oltre a Borgognone Tedeschi (da qui Radini Tedeschi di Borgogna) e al fondatore Daniele I, insignito nel 1477 dal Duca di Milano Galeazzo Maria Visconti, vi è stato Giampaolo Radini Tedeschi, “maggiordomo distinto” di Margherita d’Austria figlia dell’Imperatore Carlo V d’Asburgo e Giacomo Maria Radini Tedeschi, Vescovo di Bergamo il cui segretario e allievo era il giovane Angelo Roncalli futuro Papa Santo Giovanni XXIII

Il conte Daniele Radini Tedeschi, storico dell'arte, critico e curatore, e si è laureato in Storia dell'arte moderna all'Università degli Studi di Roma “La Sapienza” discutendo la tesi dal titolo L'estetica del simile e del peggiore nella pittura del Seicento. Da anni si occupa di estetica barocca e rinascimentale, in particolare dei rapporti tra arte, religione e società.

È stato nominato Commissario dal Ministero della Cultura del Guatemala, nell'ambito della 56º Edizione della Biennale di Venezia, nella 57º Edizione è stato nominato Curatore del medesimo padiglione.

Ha pubblicato rilevanti contributi sul Caravaggio, del quale è uno dei massimi specialisti, tra i quali

È anche considerato a livello internazionale un profondo conoscitore del pittore Giovanni Antonio Bazzi detto il Sodoma, artista di cui ha pubblicato la monografia con catalogo ragionato ed inventario delle opere. Il libro sul Sodoma ha partecipato alla Fiera del Libro di Francoforte, è adottato all'Università degli Studi La Sapienza di Roma (L-ART/02), ed è stato acquistato dalle più importanti università straniere quali: Universitats Heidelberg; Depts. Washington; University of Virginia; Penn University; University of Toronto; Yale University; Max Palnck Institut.

Ha pubblicato nel 2009 il volume Pittura a Brescia e nelle Valli con un dettagliato inventario di quasi tutte le opere site nelle chiese e nelle pievi del territorio bresciano.

È apparso spesso in trasmissioni televisive (RAIUNO, RAIDUE e RAITRE...) per illustrare rinvenimenti di quadri e di antichi manufatti. A lui si devono infatti le scoperte di quadri inediti del Sodoma, Guercino, Tiziano, Tintoretto, Degas e tanti altri.

Tra le conferenze più significative, da lui tenute, di natura istituzionale, si segnalano:

Ha ricoperto anche il ruolo di curatore in rilevanti mostre d'arte contemporanea: è stato direttore artistico degli eventi “Serate a Via Giulia” organizzati per celebrare il Cinquecentenario di Via Giulia a Roma; ha curato mostre, in sedi istituzionali e private. È stato consulente per i dipinti antichi presso la Casa d'Aste Antonina in Roma.

Inoltre è Vicepresidente del Comitato per le Celebrazioni del Sodoma, ente presieduto dal Prof. Claudio Strinati; è Coordinatore dell'Archivio Sodoma; nel 2011 è stato Correlatore di tesi presso l'Università degli Studi di Roma “La Sapienza”; è attualmente Presidente onorario dell'Associazione Culturale “La Rosa dei Venti” - Accademia di S. Lazzaro.